Strade della memoria
INTERVISTA

Intervista a Darko Bratina

Luogo del rilevamento

Italia - Friuli Venezia Giulia - Gorizia

Abstract

Bratina nasce a Gorizia nel 1948 da madre italiana e padre sloveno. Il padre originario della Valle del Vipacco si trasferisce a Gorizia tra le due Guerre. Soldato dell'Esercito italiano conosce la madre di Bratina che è originaria della zona tra Gorizia e Salcano ed è sorella di Partigiani. La Guerra, quindi, viene vissuta particolarmente da vicino. Bratina frequenta le scuole elementari slovene e le medie ed il liceo italiani. Si laurea in matematica a Torino e rientra a Gorizia per insegnare. Come militante prima, come rappresentante poi, inizia a frequentare il PCI, interrompendo però la sua attività politica negli anni '90.


Rilevatore

Alessandro Cattunar, Andrea Colbacchini

Tipo di registrazione-ripresa

Video

Dati tecnici intervista

Riprese effettuate in FullHD. File esportato H264. Intervista realizzata con doppia camera.

Scarica il documento pdf

Capitoli


100:00:15L'infanzia
200:01:55La famiglia mista
300:02:40Il periodo a cavallo tra le due Guerre
400:05:10I soldati e le trincee
500:06:12Restare in Italia
600:07:36La seconda lingua
700:08:16Le scuole slovene a Gorizia
800:10:53I figli di optanti nella scuola
900:11:50Il rapporto di Bratina con le due realtà: slovena e italiana
1000:14:18Il conceto di identità
1100:16:54La nascita e la crescita di Nova Gorica
1200:19:57Gli Jugoslavi in fuga
1300:21:16Bratina e Nova Gorica
1400:28:31L'economia di confine
1500:31:29L'attraversamento del confine
1600:34:32I cambiamenti di Gorizia dagli anni '60 agli anni '90
1700:39:19il Kulturni Dom
1800:45:32il Trgovski Dom
1900:50:06Il fascismo e l'oppressione
2000:52:37La Stella Matutina
2100:56:43L'apertura verso Est
2201:01:36I luoghi della memoria
2301:04:14Aneddoti di scuola
2401:06:58Il superamento del passato
2501:08:50La Transalpina
2601:10:24Le tensioni al confine
2701:12:33La domenica delle scope
2801:13:30I funerali della nonna